PDF Stampa E-mail

Daniela  e Francesca scrivono, ( foto allegata)

Estate 2004 - Campo estivo sui Monti Alburni (SA)

Nell'estate del 2004 ho portato con me mia figlia Francesca, aveva 8 anni.

Per lei è stata un' esperienza straordinaria: ha vissuto dieci giorni in piena libertà, ha scoperto la natura, ammirato paesaggi fantastici, profumi unici.

Ha affrontato la novità di una vita semplice senza alcun confort, ha dormito in tenda, cucinato e mangiato con noi cibi a lei non consueti; si è riscaldata davanti al fuoco, che insieme accendevamo; si e' confrontata con gente diversa, che le ha arricchito la mente e l' animo.

Le abbiamo fatto provare l' emozione di entrare in grotta.

Al ritorno a scuola la maestra le ha proposto come compito in classe "Il giorno più bello delle tue vacanze" e lei ha scritto:

"...sono stata in vacanza con la mamma e i nostri amici del Gruppo Speleologico Dauno. Mi sono divertita tantissimo.

Il giorno più emozionante delle mie vacanze è stato quando mi hanno portata nella Grotta dell' acqua.

Indossavo un pantalone e un giubbino impermeabile.

In testa avevo il passamontagna e sopra il casco.

Sul casco c'era una fiammella e una luce elettrica.

Il cuore mi batteva forte.

All'inizio della grotta c'era un passaggio molto stretto dove si doveva strisciare e camminare gattonando.

In alcuni posti si poteva camminare, in altri ci si doveva arrampicare.

C'erano delle pozze d'acqua limpide e gelide e per passarle mi prendevano in braccio.

In grotta ho visto un ghiro.

Sulle pareti della grotta c'erano tante concrezioni: stalattiti bianche, gialle e trasparenti che brillavano.

Faceva molto freddo.

Al ritorno ci siamo fermati in un posto bellissimo della grotta.

Lì abbiamo spento le luci e abbiamo fatto silenzio....

Il silenzio e il buio erano assoluti.

Era così buio che intorno a me sembrava non ci fosse niente, il silenzio mi dava l' impressione di essere sorda.

E' stata un' esperienza unica e meravigliosa."

Francesca Cordisco 2004